Fork me on GitHub

I miniaturizzati della rete!

Nel 2001 fece la sua comparsa Little Kosmann.
little.kosmann.com
Era il più piccolo sito internet mai visto: un quadrato di 100 pixel di lato. Dentro, una sfida aperta a chi progetta siti web: una pagina di news, una di link, una di foto ed un videogioco, tutto in pochi centimetri quadrati.

Al piccolo Kosmann fece seguito The Guimp...
www.guimp.com
22x22 pixel bordo compreso. La grafica ovviamente è penalizzata rispetto al suo predecessore, ma qui c'è veramente di tutto: immagini, webcam, giochi Flash, classifiche, news dalla rete, il più piccolo blog del mondo, uno shop, persino poesie haiku! The Guimp è sicuramente ancora imbattuto quanto varietà di pagine.

La sfida della miniaturizzazione è stata raccolta da Coolornot
www.coolornot.com
17x15 pixel. Ma i contenuti e la grafica non riescono IMHO ad essere competitivi con i predecessori. C'è qualche gioco simpatico come Asteroids e le previsioni del tempo (?!).

L'estremo della miniaturizzazione è stato raggiunto da One Pixel Website.
www.onepixelwebsite.com
La risoluzione è 1x1. Un punto luminoso nello schermo nero.
Cliccate sul punto (se ci riuscite) e si aprirà una semplice finestra di info.
Ovviamente si tratta di un sito fuori concorso, visto che questo pixel si limita a trasmettere un messaggio in codice Morse. Lo stesso che l'inventore inviò, nel 1836, utilizzando per la prima volta il suo alfabeto: "What hath God wrought?", ovvero: "Cosa ha scritto Dio?"

(Le notizie tecniche per questo articolo le ho recuperate dal mensile Internet Magazine, Ottobre 2002)

Commenti !

blogroll

social